Tips & Tricks - The Calligraphy Shop (on-line store)

The Calligraphy Shop
 di Daniel J Quinn
Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Tips & Tricks

I miei consigli sulla Calligrafia in generale e sull'uso degli strumenti di scrittura

Se non trovi una risposta a un tuo quesito, scrivimi a: info@calligraphyshop.it

Quanto descritto qui di seguito vale soprattutto per chi scrive con la mano destra. Una sezione apposita verrà creata per i mancini.


Ambiente di lavoro:

Il piano di lavoro:
L'ideale è poter disporre di un ampio tavolo, sul quale poggiare il piano di lavoro (ad es.: una tavoletta di legno 50x70cm), mantenuto inclinato grazie a due supporti (un paio di dizionari vanno benissimo!) Regolare l'inclinazione tra i 35° e 45°.

La luce:

E' bene che la sorgente di luce (naturale se possibile) sia in alto a sinistra, rispetto al piano di lavoro, per evitare fastidiose ombre sulla zona di scrittura.

Posizione di scrittura:
L'altezza della sedia, rispetto al piano di  lavoro, deve essere tale da rendere confortevole la scrittura. Non incrociare le gambe e tenere i piedi ben poggiati per terra aiuta a stancarsi meno. La schiena dritta, il gomito sinistro appoggiato sul piano, per bilanciare il peso e per lasciare la più ampia libertà al braccio e alla mano destra.


Posizione degli strumenti
Trovo utile tenere i canotti, i pennini, il flacone d'inchiostro, un vasetto con l'acqua, un netta-pennini, matita, gomma, gommapane, cutter, ecc...  a fianco del piano di lavoro, sulla parte destra.



Il mio piano di lavoro

Autocostruito, con due tavole di circa 50x70cm, unite da due cerniere, che consentono di inclinare il piano di scrittura.
Il piano è sorretto da due bacchette, posizionabili grazie a fori praticati su entrambe le tavole.
In alto a sinistra ho la fonte di luce.
Il piano di scrittura è imbottito: diversi strati di cartoncino leggero rendono meno rigida la superficie e aiutano nella scrittura.
Da notare i due mega-elastici posti orizzontalmente, per tenere fermo il foglio di scrittura (serve comunque anche il nastro adesivo di carta)
Sullo sfondo (a destra del piano) ci sono canotti, inchiostri ecc..

Foto della Tavoletta di Lavoro

La tavoletta: una soluzione 'trasportabile'

Una soluzione più 'spartana' è quella di una semplice tavoletta in legno formato A3.
Il piano di lavoro è imbottito con fogli di cartoncino e due robusti elastici assicurano il foglio sul quale scrivere.

Questa soluzione è molto pratica quando è necessario lavorare in trasferta (i due elastici tornano comodi anche per fissare la tavoletta alla valigetta degli strumenti), oppure quando lo spazio di lavoro non è sempre disponibile e occorre riporre il tutto dopo l'uso.

Supporto per la tavoletta

Per mantenere il piano di lavoro inclinato bastano.. le parole di un dizionario! Meglio ancora due..
I due elastici verticali hanno anche una funzione stabilizzatrice, affinché il piano non scivoli sulla superficie del tavolo.

Foto Vista laterale Tavoletta di Lavoro

Particolare della zona "strumenti"
Il flacone d'inchiostro, il netta-pennini e il vasetto d'acqua, sono fissati su un vassoietto da sushi, acquistato al supermercato...
Per tenere ben saldo il flacone dell'inchiostro e il vasetto d'acqua (guai se si rovesciano!) ho usato due vecchie gommapane, che formano un'ottima base adesiva riutilizzabile più volte.

Tra le cose utili da tenere a portata di mano:

  • un cutter (taglierino) - per tagliare, ma anche per rimediare a eventuali errori...

  • matite / portamine

  • una gomma per cancellare (da matita e da inchiostro)

  • una gommapane (non lascia residui)

  • un paio di forbici

  • fogli di carta assorbente (anche normali scottex da cucina o fattolettini

  • nastro adesivo da disegnatori (magari con dispenser)

  • nastro adesivo

  • mascherina per cancellare

  • scatole (in legno o cartone) per riporre i falconi d'inchiostro


Altri accessori utili, ma non indispensabili:
un poggia canotti (io uso un poggia pennelli cinese trovato su internet)
una macchina fotografica, per immortalare  i propri lavori (spesso pezzi unici....)

Infine, un quadernetto dove annotare, per ogni lavoro: i pennini e gli inchiostri usati e altri dettagli (provate a ricordare a memoria cosa avete usato per una pergamena, quando ve ne chiedono una identica dopo un anno e non avete più l'originale....!!)

Pennini:
Primo uso dei pennini
Un pennino appena acquistato va ripulito dello strato protettivo che viene applicato in fabbrica, altrimenti l'inchiostro non aderisce al pennino e non si riesce a scrivere un gran che... specie se il pennino ha una punta molto larga. Il procedimento - da fare una sola volta - è semplice:
a) montare il pennino sul canotto;
b) passare, ruotandolo continuamente, il pennino su una fiammella (fiammifero o accendino) per un secondo o due;
c) immergere il pennino nell'acqua

Il Pennino è pronto per scrivere!

Come maneggiare i pennini
Come conservarli

Un netta-pennini artigianale

Un (vecchio) pennello da barba può diventare un prezioso strumento per il calligrafo: un netta-pennini!
Un paio di giri di nastro adesivo aiutano a tenere compatte le setole.
Durante un lavoro conviene ogni tanto pulire il pennino immergendolo in acqua e 'intingendolo' più volte nel netta-pennini.
Si rimuovono così le piccole incrostazioni d'inchiostro secco.

Carta:
Quale scegliere?
Il Pergamino



Inchiostri:
Per stilografiche
Acrilici

Progetto:
La grandezza della scrittura
Falserighe o righe a matita?
Ho fatto un errore!
Immagini e testi: composizione


"Vai per la tua dritta via...."

Quando ho tante buste da indirizzare, l'uso di righe a matita aiuta a mantenere le corrette spaziature.
Mi sono costruito questo tirarighe molto artigianale, partendo da una tavoletta.
I bordi sporgenti, formati da piccole assicelle, servono a tener ferma sia la busta che la squadra.
Con la matita segno sul bordo le varie spaziature.




Il mio "Tirarighe" artigianale da un altro angolo visuale: si nota meglio la sporgenza dei bordi laterali.

(La presenza di un apprendista/assistente, molto generoso e paziente, è un plus ineguagliabile, specie quando si tratta di cancellare le righe a scrittura finita!)

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu